La dittatura delle abitudini

dittatura delle abitudiniO meglio: come si formano, come ci condizionano e come cambiarle.
Charles Duhigg (autore vincitore del premio Pulitzer per il giornalismo divulgativo) tramite fatti reali rigorosamente documentati ci mostra come la maggior parte delle nostre azioni siano in realtà abitudini più o meno radicate in noi e come queste siano difficili da modificare.

Come si forma un’abitudine?
Il ciclo è quello che parte dal soddisfacimento di un bisogno e termina con una gratificazione. A volte le abitudini degenerano in dipendenze ed è difficile trovare soddisfazioni alternative.

Il libro ha diverse chiavi di lettura: da un lato permette di comprendere a livello personale come alcune nostre abitudini ci portino a compiere azioni che possono apparire discordanti dal nostro carattere, dall’altro ci riporta casi aziendali che ci mettono in guardia contro sistemi di vendita spinta e di come alcune abitudini possono essere rilevate senza che noi ne siamo consapevoli (interessante la sezione che riguarda il marketing).

Nelle ultime pagine Charles Duhigg propone un metodo in quattro punti che spiega come prendere coscienza delle reali necessità di certi comportamenti e come intervenire per cambiarli.
Non si tratta di un testo che ha la pretesa di cambiare la vita al lettore ma offre qualche spunto sul modo in cui nascono e si radicano le nostra abitudini (e di come possano essere sfruttate dalle aziende).

E’ un libro di facile lettura, adatto a chi è curioso e vuole approfondire questa tematica in modo leggero e piacevole. L’argomento e la scrittura scorrevole suscitano più di una riflessione: dal cibo allo shopping, dalla famiglia agli amici.

Share Button

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>