Tag: essere

mercoledì 11 dicembre 2013

Il potere della vulnerabilità

 

Brene Brown studia i rapporti umani, la nostra capacità di immedesimarci, appartenere, amare. In un discorso intenso e divertente, condivide una visione profonda della sua ricerca, visione che l’ha portata ad una ricerca personale di conoscenza di sé stessa e dell’umanità. Un discorso da condividere.

 

Share Button
martedì 3 dicembre 2013

La velocità del cambiamento

sandboarding-67663_640 
Leggendo le riflessioni di un manager per il nuovo millennio, Oscar di Montigny, ci siamo trovati d’accordo che è la velocità del cambiamento che fa la differenza in questo momento storico.

Non siamo obbligati però a “creare ed eseguire una “supervita” digitale, relegando ai margini la tutela della nostra vita privata”.
Pensiamo che il valore dell’individuo (e la sua possibilità di scelta) è anche questo: saper trovare un equilibrio tra la vita digitale e la vita analogica.

Il bello della vita digitale è che se non reputi interessante quello che vedi e quello che senti, puoi, con un click, cercare qualcosa di adatto.

 

Share Button
mercoledì 27 febbraio 2013

Essere autentici

Charalambos Vlachoutsicos in un articolo riportato recentemente dall’Harvard Business Review ci spiega la difficoltà che ha incontrato ad essere veramente autentico.
Secondo il professore dell’Università di Atene per essere veramente autentici è necessario conoscere chi siamo…ma è più semplice a dirsi che a farsi. In alcune situazioni, pur avendo chiaro quali sono i nostri valori, le nostre decisioni sono guidate da aspirazioni e insicurezze che portano a un comportamento incoerente, che riflette il divario tra la realtà e l’immagine di sé.
Vlachoutsicos sottolinea, inoltre, che una volta chiari i nostri valori fondamentali, questi si possono sviluppare con il nostro percorso: ciò che sembra coraggioso a 18 anni, a 40 può sembrare temerario. In alcune situazione c’è la possibilità che alcuni dei nostri valori possano “tirare”in due direzioni opposte… si tratta di trovare un punto di equilibrio!

Share Button
lunedì 10 dicembre 2012

Corso Professional Coach a Roma

Sono aperte le iscrizioni per la prossima edizione del corso European Professional Coach Training a Roma.
Cliccando qui potete visualizzare il programma del corso.
Ecco le date:
Roma: Gennaio 2013 – Maggio 2013
1 modulo 17/18 Gennaio
2 modulo 7/8 Febbraio
3 modulo 22/23 Marzo
4 modulo 19/20 Aprile
5 modulo con esame  16/17 Maggio
Il corso avrà un numero minimo di partecipanti di 8 persone e non eccederà 12 partecipanti.
Per iscriversi basta inviare una mail a organizzazione@growbp.it alla quale risponderemo inviando la scheda di iscrizione e le modalità di pagamento.
Per ogni ulteriore informazione al riguardo guarda la pagina dedicata del sito.
Share Button
mercoledì 7 novembre 2012

Potenzia la tua energia*

Per essere efficienti occorre essere efficaci e per essere efficaci occorre fermarsi, darsi del tempo e dello spazio. ” (Segui il flusso – Claudia Crescenzi pag.100, Este edizioni)

L’energia può essere definita come azione efficace, capacità di compiere un’azione. È ciò che ci fa vivere, muovere, agire. La gestione della nostra energia esercita una forte influenza sulle persone che ci circondano e sull’ambiente nel quale siamo immersi.

Ognuno di noi ha la totale responsabilità della gestione della propria energia vitale e tramite alcuni fattori chiave, siamo in grado di indirizzarla e gestirla.

Il primo fattore è il tempo: sapere gestire i propri impegni in base al tempo a disposizione ci consente di non andare in deficit di energia. Occorre imparare a gestire il proprio tempo e a valutare le priorità, è il primo passo verso il benessere.

Un altro fattore decisivo è la gestione del nostro spazio: trovarsi uno spazio per tutte quelle attività che ci elevano e ci ricaricano energeticamente. Possiamo determinare la nostra energia amministrando bene il nostro corpo, concedendo ad esso le necessarie attenzioni.

Ascoltare i propri sensi è un altro fattore che concorre alla gestione/arricchimento della nostra energia vitale. In questo modo possiamo essere maggiormente ricettivi e accedere alle nostre intuizioni. Le emozioni sono energia in movimento e si muovono dentro di noi molto più veloci dei nostri pensieri. 

Se impariamo a gestire la nostra energia vitale, la stessa energia diventa la materia prima per la costruzione della nostra felicità.

*Tratto da “Segui il flusso” di Claudia Crescenzi

Share Button
lunedì 30 luglio 2012

Tempo di vacanze, di ralax, di riflettere

 

Tempo di vacanze, di riposo, di relax ma anche tempo per riflettere.

Riflettere, spazio per essere dove il fare lascia lo spazio al non fare.

Come utilizzare questo spazio? Leggendo un libro, dedicando più tempo alla famiglia, concentrarsi più su qualche propria passione, viaggio, avventura?

Qualsiasi sia ciò a cui dedicarsi per sé, è tempo e spazio per il piacere e per il volere.

Le vacanze come SPAZIO PER IL PIACERE.

Durante la pausa estiva se fate attenzione notate come tutti siamo più pazienti, più accondiscendenti, più “morbidi”.

È come se durante il periodo vancanziero deponessimo le armi, fossimo meno pressati da ciò che si deve fare. È come se inconsciamente procedessimo al Processo di disarmo interiore.

Processo di cui parlo nel mio libro “Segui il flusso” appena uscito (ESTE edizioni www.este.it).

Cosa voglio dire? 

Intendo dire che quando ci diamo dello spazio e del tempo per sé stessi abbiamo la possibilità di entrare in contatto con ciò che siamo senza scudi, senza difese.
Essere in questo stato mentale permette a ciascuno di noi di cogliere la nostra creatività, fare i progetti, indirizzare i nostri comportamenti verso il raggiungimento dei propri obiettivi.

Per fare questo ci vuole allenamento. Il coaching ti aiuta proprio nel farti rafforzare la muscolatura dei comportamenti efficaci delle relazioni vincenti e soddisfacenti.

Ecco il potere del coaching.

Vi auguro insieme a tutto lo staff di GROWBP felici ed abbondanti vacanze.
Ci vediamo a settembre!

Share Button
mercoledì 13 giugno 2012

Mio figlio Coach

Già proprio così.
Tanti anni di studio, di esperienza, di attività come coach e un bel giorno mi trovo mio figlio Maximilian di 4 anni che, come se fosse la cosa più naturale, mi “fa” da coach.
 
Immaginate la scena: io che lavoro e di punto in bianco mio figlio mi chiede :
“Mamma perché corri sempre? Sei sempre impegnata e senza sorriso. Vorresti stare un po’ più di tempo con me? Saresti più felice? Io dico di SI, tu cosa dici ? ...”
 
Mi è bastata la prima domanda.
Dopo aver attutito il colpo, ed aver ascoltato la sua stessa risposta, mi sono chiesta: come fa un bambino a porre delle domande così semplici ma così efficaci? Lui che di consapevolezza (conscia) non ne ha poi così molta, come fa ad arrivare al punto?
 
Una sua semplice affermazione (“feedback”) mi corrisponde e mi ritorna come una carica energetica.
 
Ecco la mia risposta (e mi farebbe piacere avere un riscontro da parte vostra): Maximilian si esprime come un bambino, senza costruzioni mentali, senza sovrastrutture.
 
Si esprime attraverso il suo SE’, ciò che è con semplicità, naturalezza, autenticità, rimandandomi ciò che gli arriva, facendomi da specchio.
 
Ed ancora: lui ascolta (come credo e spero faccia ogni bambino) sé stesso e mi rimanda ciò che gli arriva senza particolari elaborazioni mentali, essendo libero mentalmente. Fa domande semplici, elementari, dirette, lineari, senza inserirci alcuna sua interpretazione ma solamente guardando i fatti. Ecco, questo è il contributo “tecnico” che mi porto da mio figlio COACH: osservazione, ascolto, domanda elementare, feedback di ciò che mi arriva così come è ed ascolto con totale presenza dell’altro.
 
Il tutto condito con fluidità, sorriso e amore (inteso come accettazione dell’altro così come è). “Semplicemente” questo mi ha portato ad uscire per un momento da me stessa, osservarmi da fuori ed immaginarmi in un’altra situazione.
 
Mi ha permesso di fare uno shift e di lasciare andare (FARE) ciò che in quel momento mi appesantiva, dedicandomi invece ad ESSERE nel gioco con mio figlio. E la cosa ancora più straordinaria per me è stata che quel tempo dedicato all’essere mi ha permesso successivamente di essere più efficace nel chiudere le attività che avevo da fare; mi ha permesso di recuperare il tempo speso.
 
Il risultato che ho raggiunto è stato che mi sono portata a casa, oltre che un po’ di tempo con mio figlio, anche un’esperienza diversa della gestione del tempo, con un utilizzo più qualitativo e meno quantitativo dello stesso.
 
La consapevolezza acquisita è: il tempo dedicato all’ESSERE mi fa attingere l’energia che mi serve poi ad essere più efficace nella vita ovvero nel FARE. Detto più semplicemente il gioco e il piacere mi rendono più carica energeticamente. Questa carica mi permette di svolgere più efficacemente e con maggior qualità il mio lavoro risparmiando anche del tempo (oggi sempre più prezioso!)
 
Davvero un’esperienza unica.
 
Grazie Max!
Share Button